La Feniglia e la Giannella

Autore Elena Fazzi

Due dei posti più suggestivi della Provincia di Grosseto sono senza dubbio i due tomboli che collegano Monte Argentario e la “terra ferma”, ovvero la Feniglia e la Giannella.

La prima è situata in corrispondenza di Ansedonia e rappresenta un luogo d’interesse sia dal punto di vista del turismo balneare che da quello naturalistico e perfino storico. Dal 1971 è un’area protetta, denominata “Riserva naturale Duna Feniglia”, proprio per preservarne la flora e la fauna; tutta l’area è comunque transitabile a piedi e in bicicletta e dal sentiero che la attraversa sono vari gli accessi al mare. Lunga 6 km, presenta spiagge sabbiose e offre ai turisti che amano il mare la possibilità di godersi acque cristalline mentre gli appassionati di sport potranno usufruire di un percorso ad attrezzi ginnici. Un tocco di storia, infine, con la stele commemorativa di Caravaggio, sul punto in cui pare sia dececuto proprio il celebre pittore seicentesco, arrivato a Porto Ercole in fuga da Napoli.

Come caratteristiche il tombolo della Giannella non si discosta più di tanto dalla Feniglia, con i suoi 6 km e le sue spiagge sabbiose. Situata nei pressi di Albinia, si differenzia dalla precedente per il fatto che è percorsa da una vera e propria strada che, dunque, ne agevola l’accesso. Dal tombolo prende il nome una frazione posizionata proprio all’ingresso del promontorio dell’Argentario mentre sono generalmente 3 le zone in cui viene suddivisa: Santa Liberata, Lido di Giannella e Saline. Anche qui non mancano gli interessi storici con il Forte delle saline che risale al periodo dello Stato dei Presidi degli Spagnoli, anche se l’origine è attribuibile addirittura al dominio senese. Collocato in posizione strategica, con la doppia funzione di controllo del passaggio verso Monte Argentario e di controllo delle saline, è affiancato dal Casale Spagnolo, un edificio cinquecentesco a pianta rettangolare che integrava i servizi predisposti al Forte e che deve il suo aspetto attuale, simile ad un casolare di campagna, ad una ristrutturazione settecentesca.

Altri contenuti della categoria

Il Duomo,edificato tra il 1294 e il 1302 in onore di San Lorenzo, sulle fondamenta di una chiesa pre...
Mare cristallino, scogli e lidi sabbiosi, Monte Argentario offre, a livello di turismo, un panorama...
L’Area del Tufo è una fonte inesauribile di bellezze e ospita numerosi paesi dall’aspetto unico e af...