Conosciamo Roccastrada

Autore Elena Fazzi

Situato tra la pianura e la montagna, il comune di Roccastrada ospita alcune località interessanti che si prestano a gite turistiche e escursioni domenicali, in pieno relax e immersi nella natura. Oltre alla stessa Roccastrada troviamo, infatti, tra gli altri, Sassofortino e Roccatederighi conosciuti anche all'estero e frequentati da turisti italiani e stranieri sia in estate, per godere del gradevole frescolino che offrono, che d'inverno, da chi è alla ricerca di un incantevole paesaggio collinare e montano.

Andiamo quindi a conoscere Roccastrada che vanta una storia plurisecolare: oltre ad essere stato possedimento Aldobrandesco, appartenne anche ai Senesi e al Granducato di Toscana. L'obiettivo dei vari conquistatori era certamente lo sfruttamento delle miniere di rame e argento posizionate non lontano dal centro abitato.

A livello architettonico, il piccolo borgo offre una grande quantità di chiese e cappelle, sia in centro che nei dintorni, sia integre che ormai ridotte in ruderi: le più importanti sono sicuramente la Chiesa della Madonna delle Grazie e la Chiesa di San Nicola, detta anche di San Niccolò. La prima, di origine trecentesca, è composta da una sola navata che corrisponde all'esterno ad un portico e che culmina con un altare; la seconda è un gioiellino duecentesco a croce latina con un capanile di ricostruzione novecentesca, un fonte battesimale in trachite degno di nota e degli affreschi cinquecenteschi di un pittore di scuola senese davvero apprezzabili.

Quanto alle strutture difensive, non si possono non segnalare le mura che risalgono addirittura al XII secolo e che si distinguono dalle cinte murarie degli altri paesi maremmani per la loro estensione su tre soli lati del paese, in quanto ad ovest i massi rocciosi che caratterizzano il borgo già fornivano degli adeguati mezzi di difesa.

Nonostante i tanti secoli passati e l'evoluzione edilizia del centro che racchiudono, le mura, che hanno mantenuto la loro struttura in pietra, si sono conservate e sono arrivate a noi quasi del tutto integre, così come la Torre dell'orologio, che oltre che per l'avvistamento era utile anche per lo scandire delle ore del giorno, e la Porta di Borgo, uno degli accessi al centro del paese.

Uno sguardo, infine, anche al Teatro dei Concordi situato nel centro della parte moderna del paese: inaugurato alla fine dell'Ottocento, ha una struttura a ferro di cavallo con tre ordini di palchi e presenta una facciata neocentesca che spicca nel contesto contemporaneo.

Altri contenuti della categoria

Immagini della Maremma - Monte Amiata - Il paese di Monticello Amiata
Disseminata di edifici religiosi, cristiani ed ebraici, Pitigliano offre al visitatore anche tutta u...
Foto gallery della spiaggia di Marina di Alberese nel Parco dell'Uccellina

caffè giannoni