Museo archeologico e d’arte della Maremma, presentate agli insegnanti le attività didattiche 2016/17

Circa 6mila gli studenti che ogni anno frequentano i corsi. Molti i giovani provenienti da
fuori provincia. Il vicesindaco, Luca Agresti: “Investire sulla cultura è un nostro dovere”
Il direttore, Mariagrazia Celuzza: “Puntiamo a un’offerta formativa sempre nuova e vivace”

Presentati agli insegnanti che ne vorranno usufruire i percorsi di didattica disponibili al Museo archeologico e d’arte della Maremma. Anche quest’anno sono previste visite tematiche e laboratori pensati per soddisfare le esigenze delle scuole primarie e secondarie. Le attività sono organizzate in unità didattiche, così da essere in linea con i programmi di storia. Conclamato il successo: circa 60mila le presenze accumulate nell’ultimo decennio, con studenti provenienti pure dalle province di Siena, Livorno e Roma. Numeri destinati a crescere. “Crediamo – spiega il vicesindaco e assessore alla Cultura, Luca Agresti - sia fondamentale investire in quest’ambito. La cultura come punto di crescita e di formazione, anche e soprattutto per i giovani e giovanissimi. Iniziative come quelle del nostro museo devono essere quindi non solo mantenute, ma implementate. Per questo è indispensabile far conoscere ancora di più la struttura museale, sia all’esterno che all’interno della nostra provincia”.
La durata media di ogni laboratorio è di circa due ore. Le attività si svolgono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13. Il costo del biglietto d'ingresso è di un euro a studente. Cinque le unità didattiche disponibili: La preistoria (consigliato per le classi terze della scuola primaria); le grandi civiltà del Medio oriente (indiacato per le classi quarte della scuola primaria); gli Etruschi (suggerito per le classi quarte e quinte della scuola primaria); i Romani (consigliato per le classi quinte della scuola primaria); il Medioevo (indicato per la scuola secondaria di primo grado).
“La nostra sfida – spiega il direttore del museo, Mariagrazia Celuzza - è quella di presentare ogni anno qualcosa di nuovo, stimolante. In queste cose, vista l’ovvia e continua turnazione degli studenti, sarebbe facile vivere di rendita senza andare troppo a modificare l’offerta. Il nostro modus operandi è differente: vogliamo dare ai giovani un calendario didattico sempre fresco, vivace”.
Il museo prevede, inoltre, alcuni laboratori tematici studiati per scolaresche e famiglie e ha iniziato una collaborazione nell’ambito dei progetti alternanza scuola-lavoro promossi dal Miur.
Si ricorda, infine, la partecipazione della struttura museale alla Giornata nazionale delle famiglie al museo quest’anno prevista per il 9 ottobre.

ALTRE DELLA CATEGORIA

La personale del fotografo follonichese Walter Garosi racconta di Venezia, “la città sospesa” vista...
Grosseto farà ancora da cornice alla chiusura di Dilettando, la popolare trasmissione di Toscana Tv...
Si avvisano i gentili utenti che, per una riunione operativa del personale, la sede centrale della...