La musica di Festambiente 2010

Autore sarafranci

Pubblicato da Sarah Franci

La musica di Festambiente 2010 riaccende l'estateTorna dal 6 al 15 agosto il festival nazionale di Legambiente, giunto quest'anno alla XXII edizione. Ogni sera cinema, teatro, dibattiti, stand, ristoranti tipici e biologici, concerti di artisti di fama internazionale, punti benessere, ampi spazi dedicati ai bambini e tantissime novità dedicate all'ambiente Si rinnova l'appuntamento più frizzante dell'estate con la XXII edizione di Festambiente, il Festival nazionale di Legambiente dedicato all'ambiente e alla solidarietà, che aprirà i battenti dal 6 al 15 agosto 2010 a Rispescia, Grosseto. Dieci giorni di divertimento all'insegna dell'ecologia, delle buone pratiche e del mangiar sano in uno scorcio di rara bellezza alle porte del Parco della Maremma. Tantissime le novità dalla musica al cinema, dai dibattiti alle mostre, dalla vasta Città dei Bambini alla ristorazione tradizionale e vegetariana, oltre a una marea di stand espositivi. Oltretutto la nuova locandina di Festambiente 2010 è stata disegnata appositamente dal famoso illustratore Milo Manara. Presenti alla conferenza di presentazione, che si è tenuta al Centro nazionale “Il Girasole” di Rispescia, oltre ad Angelo Gentili coordinatore nazionale di Festambiente, anche Simone Ferretti, assessore alla Cultura del Comune di Grosseto, e Cinzia Tacconi, assessore alla Cultura della Provincia di Grosseto.Ancora una volta Festambiente – ha spiegato Angelo Gentili, coordinatore nazionale di Festambiente - rappresenterà una vera città ecologica dove potersi divertire e apprendere, e dove ogni sera interverranno personaggi dello spettacolo, della cultura e delle istituzioni sensibili alle tematiche ambientali. Un'edizione speciale, questa, che festeggerà anche i 30 anni di Legambiente con iniziative e dibattiti dedicati all'associazione del Cigno e dove si parlerà di tante tematiche: dal no al nucleare alle energie rinnovabili, alla biodiversità festeggiata proprio nell'anno internazionale. La scaletta dei concerti è stata selezionata con cura per dare ai visitatori del festival una scelta completa con grandi cantanti di fama internazionale sensibili alle tematiche lanciate dal palco di Festambiente”. "Festambiente è un festival diventato il simbolo della nostra zona – ha aggiunto Simone Ferretti, Assessore alla Cultura del Comune di Grosseto - che riesce a identificare la Maremma in tutta la Provincia e la
Regione. Il Comune di Grosseto tiene molto di conto la capacità del festival di unire i valori culturali e artistici con la diffusione di messaggi legati alla solidarietà, al sociale e all'ambiente, come tiene a cuore il lavoro che viene svolto durante tutto l'anno nel Centro che ospita la manifestazione. Molto atteso il concerto di Youssou N'Dour, un artista che potrà portare i riflettori sull'Africa, non solo perchè vi si stanno svolgendo i mondiali di calcio, ma soprattutto per i tanti progetti di solidarietà rivolti al suo popolo".
"Molto importante è il valore culturale di Legambiente – ha sottolineato Cinzia Tacconi, Assessore alla Cultura della Provincia di Grosseto - che manifesta il suo clou nel periodo della festa. Il festival unisce i valori di interculturalità, cooperazione, rispetto dell'ambiente ed efficienza energetica con l'aspetto ludico della festa, durante la quale gli artisti riescono a veicolare questi messagi con i loro concerti. Importante è anche il forte gemellaggio che si è creato con i festival di Francia e Spagna che contribuisce a dare un valore di interculturalità e internazionalità a Festambiente". Numeri di FestambientePer dieci giorni si realizzerà il più grande festival dedicato all’ambiente, uno degli eventi più attesi dell’estate 2010 che conferma ogni anno oltre 80.000 visitatori. Un festival che si rinnova anno dopo anno, diventando più grande, innovativo e originale. E la conferma arriva dai grossi numeri che la manifestazione, come ogni estate, porta con sé: oltre 450 media accreditati, più di 130 stand espositivi, 250 tra volontari e collaboratori coinvolti, circa 400 gli enti patrocinatori, oltre 150 i relatori partecipanti ai dibattiti, più di 100 gli artisti che si esibiscono, 70 le rassegne degustazioni, 20 i laboratori ecologici proposti ogni giorno nella Città dei Bambini, 20 le ricette servite ogni giorno al ristorante vegetariano più grande d'Italia e oltre 50 le pellicole proiettate tra corti, documentari e lungometraggi nel cinema all'aperto. Energie rinnovabili e novitàOgni giorno sarà possibile partecipare anche a laboratori sulle energie rinnovabili, visitare mostre, lasciarsi andare alla tentazione di un goloso piatto tradizionale a base di ingredienti sani e biologici e rilassarsi con le terapie naturali in una vasta area appositamente allestita. E per gli appassionati della “settima arte”, una rassegna cinematografica, come il “Clorofilla Film Festival”, che anche quest'anno darà ampio spazio al cinema meno conosciuto. Negli stand espositivi, inoltre, trovano posto prodotti biologici, ecocompatibili e all’avanguardia nel rispetto dell’ambiente. Nello stesso tempo si potranno trovare prodotti e servizi dedicati alle tematiche ambientali, con esposizioni di parchi, aree protette e aziende del panorama nazionale. Tra le novità di quest'anno anche un'area apposita dedicata ai veicoli elettrici dove biciclette, moto e automobili saranno presentate al pubblico. In particolare sarà presente l’Ecomercato, un’area apposita dove è possibile trovare di tutto: dai prodotti alimentari a quelli per la casa, dalla cancelleria ecologica agli oggetti in cacca d'elefante, dai giochi solari all'artigianato equo&solidale. E in più l'Ecopesca, con vincita sicura e grandi premi ecologici come la speciale bicicletta elettrica, il cui ricavato sarà interamente devoluto al Progetto Rugiada a favore dei bambini colpiti dall'incidente di Chernobyl.Alimentazione a FestambienteVero e proprio riferimento per l'educazione alimentare, l'evento fa della ristorazione il suo punto di forza con i due grandi ristoranti, la stuzzicheria, i bar e gli altri punti ristoro. Oltre all'enorme Ristorante vegetariano, il più grande d'Italia, dove assaporare piatti speciali preparati con prodotti sani, saporiti e di filiera corta, si può scegliere anche l'eccellente ristorante “Peccati di gola”, situato in un suggestivo uliveto sotto le stelle dove degustare ogni sera un menù diverso con piatti della migliore tradizione toscana e altre stuzzicanti sorprese abbinate a una selezione dei migliori vini del territorio. Ma per chi gradisce uno spuntino al volo o un boccone tra un dibattito e uno spettacolo, è possibile visitare i quattro Bar e la “Stuzzicheria” dove poter gustare aperitivi bio, insalate di farro, panini e stuzzichini con salumi, formaggi e verdure, o semplicemente frutta fresca, succhi, gelati e dolci tipici. Ricca anche la mostra mercato “Viaggio nei sapori”, dove degustare gratuitamente prodotti tipici e tradizionali del territorio. E per gli amanti della sana alimentazione sarà possibile visitare le principali aziende di prodotti enogastronomici, vere eccellenze del territorio. Città dei BambiniE proprio ai più piccoli sarà dedicata una vera e propria “Città dei bambini” con spazi enormi dove poter giocare in libertà e dove, grazie agli educatori di Legambiente, sarà possibile far incontrare il divertimento con l'educazione ambientale tramite laboratori, giochi e ricche merende. Anche i bar sono fatti per i più piccoli con banconi, tavoli e sedie a dimensione di bambino, dove poter gustare succhi di frutta, dolci e gelati di ogni gusto. Ogni giorno spettacoli teatrali, marionette, giochi, attività di gruppo e tante sorprese per imparare divertendosi. Tema della XXII Edizione Sarà l'abbassamento delle emissioni di anidride carbonica tramite le energie rinnovabili, il risparmio, l'efficienza energetica e tutte quelle buone pratiche per cercare di aiutare il pianeta nella vita di tutti i giorni: dal risparmio di acqua ed energia, all'acquisto di prodotti ed elettrodomestici a basso consumo che riducono anche le emissioni nell'ambiente, fino ai consigli su una sana alimentazione a filiera corta con i ristoranti e i punti ristoro, esclusivamente con prodotti biologici e tradizionali. Tutto questo sarà possibile grazie anche a speciali esempi e mostre allestite ogni giorno. Oltre a questo Festambiente ribadisce il suo deciso NO al nucleare, sottolineando invece l'importanza di una politica energetica che sviluppi l'efficienza ecorinnovabile. Il festival, inoltre, ha adottato misure concrete per abbattere il proprio impatto ambientale aderendo anche quest'anno alla campagna “Azzero Co2” che neutralizza le emissioni di anidride carbonica tramite la piantumazione di alberi. Non solo. Oltre a differenziare i rifiuti sono banditi bicchieri e stoviglie di plastica, rimpiazzati da quelli in ceramica, vetro e amido di mais interamente biodegradabili. Altro tema che non poteva mancare a Festambiente 2010 è quello sulla biodiversità, per festeggiare proprio l'anno internazionale.Festambiente è aperta a partire dalle 17.30 dal 6 al 15 agosto, ingresso alla manifestazione comprensivo dei concerti è di 8 euro prima delle 20.30 e 12 euro dopo le 20.30. Agevolazioni e sconti per famiglie e ragazzi. Info: www.festambiente.it  CALENDARIO CONCERTI FESTAMBIENTE 2010 6 agosto Bandabardò"Allegra ma non troppo", la Bandabardò ritorna sul palco di Festambiente. Con i suoi oltre 1.000 concerti e 15 anni di attività la band toscana ci propone il disco in esclusiva per la rivista “XL”, dove la band racconta l’incontro con Goran Bregovic per un viaggio tra matrimoni e funerali, tra polvere di teatro e rifiorire di antiche melodie, tra nuove creature e balli di piazza. L'album è composto da una ricca e varia track list che ripercorre il presente e il passato del gruppo fiorentino, proponendo brani riarrangiati in modo nuovo e moderno. Da questi pezzi, molto sentiti e partecipati, traspaiono semplicità, impegno e dedizione totale alla musica: le stesse caratteristiche che rendono una festa ogni concerto della Banda.7 agosto Sud Sound SystemDal 1989 sulla scena musicale i salentini pionieri del raggamuffin italiano, grazie alla ritmica giamaicana reinterpretata in modo originale attraverso l'uso del dialetto salentino e le ballate di pizzica e taranta, sono entrati nel cuore della gente parlando di argomenti legati a realtà sociale, politica ed economica del Paese. La band ha reso internazionale il dialetto salentino con il suo sound, alternandolo alla lingua inglese e dimostrando grazie a un pubblico sempre più vasto, che non esistono barriere linguistiche o stilistiche. L'ottavo album "Ultimamente" è un disco ricchissimo di colori, sfumature, sapori e richiami alla terra madre Salento, carico di sentimento e di denuncia verso la società odierna, verso il sistema politico e il precariato, richiamando le responsabilità di chi devasta la terra. È evidente un'evoluzione stilistica e musicale del gruppo: il nuovo progetto include infatti i sottogeneri della musica jamaicana tra cui hip hop, soul e calypso. Ancora una volta la band si è fatta portavoce di temi e problematiche forti che riguardano il quotidiano e la gente comune e il 7 agosto a Festambiente, ancora una volta, darà voce ai pensieri e ai sentimenti di un popolo che crede in un mondo diverso. 8 agosto Simone CristicchiDopo la presenza al Festival di Sanremo con "Meno Male", Cristicchi sale per la prima volta sul palco di Festambinte scegliendo uno spettacolo singolare, a cavallo tra il teatro e la canzone. Accompagnato da uno straordinario quartetto di musicisti classici, i genovesi Gnu Quartet, darà vita a una performance teatrale dove i musicisti vestiranno anche i panni di attori. Uno spettacolo nuovo, ironico e privilegiato dall'effetto sorprendente in un'atmosfera ricca di grande divertimento. 9 agosto Max GazzèSarà "Quindi?", il sesto lavoro del cantautore romano anticipato dal singolo "Mentre Dormi", l'album protagonista della serata di Max Gazzè a Festambiente. Già colonna sonora del film "Basilicata coast to coast", di cui Max è stato anche uno dei protagonisti, il lavoro presentato dall'artista è composto da dodici brani inediti pronti a stupire i visitatori della festa. Gazzè, partito il 7 maggio per il tour estivo, si prepara a scaldare il pubblico di Festambiente con il suo classico stile coinvolgente. 10 agosto Pino DanieleIl 10 agosto sul palco del festival ci sarà l'inventore del Neapolitan power. L'"Electric Jam European tour” che ha portato il blussman napoletano da nord al sud Italia prosegue durante con una serie di concerti partiti il 13 giugno. A Festambiente Pino Daniele e la sua chitarra proporrano oltre ai vecchi successi anche sei brani inediti, contenuti nell'omonimo album, sospesi tra sfumature blues e melodie mediterranee.11 agosto Roy Paci e AretuskaA tre anni di distanza Roy Pacy e Aretuska tornano a Festambiente con il loro rocksteady siciliano a presentare il nuovo lavoro discografico. L'ultimo album "Latinista" scrive un'altro capitolo del progetto più solare della scena musicale italiana con brani scritti da Roy Paci con la collaborazione di alcuni artisti di alto calibro come Jovanotti, Caparezza e Eugene Hutz: volti noti della musica ormai diventati familiari al grande pubblico grazie alle numerosissime partecipazioni a show televisivi.12 agosto Youssou N'DourCantante ipnotico e musicista poliedrico, Youssou N'Dour è partito dalla tradizione delle danze del suo Senegal, note in lingua wolof come "mbalax", per approdare a un singolare e originale afro-pop. Ha saputo imporre la musica africana sulla scena internazionale partendo dalle radici della sua terra e mischiandole al panorama contemporaneo, grazie anche alle numerose collaborazioni con personaggi di rilievo come Peter Gabriel, Paul Simon, Sting e Neneh Cherry con la quale cantò “7 seconds” divenuta poi un successo a livello mondiale con 1.500.000 copie vendute. Youssou N'Dour affascina non solo per la musica, ma anche per il grande impegno sociale a favore del suo popolo: dalla siccità alla situazione economica, dall'apartheid all'emigrazione per finire poi all'aiuto dei bambini africani malati di Aids. Paladino di Amnesty International diventa anche ambasciatore dell'Unicef nel 1993. A Festambiente si esibirà giovedì 12 agosto portando il suo nuovo lavoro “Dakar-Kingston”, registrato in Jamaica con il supporto degli storici The Wailers e al quale darà un taglio più reggae rispetto al passato. 13 agosto AlborosieFestambiente si tingerà dei colori della Giamaica con Alborosie e il suo “Escape From Babylon”. Alberto D'Ascola, artista siculo-calabro-pugliese, inizia la sua carriera musicale in Italia, leader dei Raggae National Tichets e la continua in Giamaica. Proprio nell’isola caraibica l’italiano di Giamaica ha concepito l’attesissimo secondo album, sulla scia del lavoro precedente Soul Pirates, che propone sonorità roots in controtendenza con quelle giamaicane, sperimentando e padroneggiando stili diversi, rimanendo semplice e offrendo pezzi eccezionali rendendo omaggio agli eroi dell’età d’oro del reggae. “Escape From Babylon”, un ponte fra il roots reggae delle origini e le nuove sonorità del momento, infonderà in questa musica senza tempo un tocco di moderne vibrazioni.14 agosto BaustelleDopo quattro anni di silenzio tornano i Baustelle con il nuovo lavoro “I Mistici dell’Occidente”, scritto sul promontorio maremmano. Quinto album del trio senese, che si è avvalso della prestigiosa collaborazione del produttore Pat McCarthy famoso per aver collaborato con i Rem, con gli U2 e con Madonna. Un album che non è né spirituale né omogeneo, ma semplicemente un lavoro meraviglioso che sorpassa il puro concetto del fare musica. I Baustelle in dieci anni di attività si sono consolidati come una delle band più innovative, raffinate e di spessore del panorama musicale italiano.15 agosto Cristiano De AndrèGradito ritorno di Cristiano De André che porterà a Festambiente il tour “De André canta De Andrè”, che ha ottenuto il riconoscimento di “Miglior tour dell’anno”. Dopo un acclamatissimo inverno nei teatri e nei palasport, per la seconda estate consecutiva, continua la tourneè nata per celebrare il decimo anniversario dalla scomparsa di Fabrizio De André. Domenica 15 agosto Cristiano riempirà i cuori di emozioni nel ricordo senza tempo di un padre e di un poeta che ha lasciato la sua impronta indelebile nella storia della canzone italiana. Polistrumentista, compositore e cantautore, Cristiano ha fatto sua una piccola parte del vasto repertorio di Fabrizio valorizzandola e immergendola in un’anima rock più vicina al suo essere musicista.  

ALTRE DELLA CATEGORIA

La personale del fotografo follonichese Walter Garosi racconta di Venezia, “la città sospesa” vista...
Grosseto farà ancora da cornice alla chiusura di Dilettando, la popolare trasmissione di Toscana Tv...
Si avvisano i gentili utenti che, per una riunione operativa del personale, la sede centrale della...

black wood paninoteca-osteria-birroteca