Guardia di Finanza: sequestrati 130 reperti archeologici del valore di circa 60.000 euro.

Durante un servizio di controllo del territorio svolto nei pressi di Capalbio, la Tenenza della Guardia di Finanza di Orbetello ha sequestrato 130 reperti archeologici.
All’interno di due buste nere normalmente utilizzate per la spazzatura, abbandonate lungo la strada statale Aurelia all’altezza di Capalbio in località Dogana di Chiarone, i militari del Nucleo Mobile della Tenenza hanno rinvenuto un piccolo tesoro di pregevole interesse culturale e archeologico.
All’interno dei sacchi di plastica erano custoditi 130 reperti di varia fattura, ascrivibili a diverse epoche tra il VII e il I Sec. a.C., che dalla vendita sul “mercato nero” avrebbero fruttato un guadagno illecito stimabile in 63.000 euro.
Tra i reperti sequestrati spiccano alcuni pezzi: due anfore, una greco-italica e l’altra africana, e un oinochoe in bucchero (vaso in ceramica simile ad una brocca utilizzato per versare il vino o l’acqua) ascrivibile al VII Sec. a.C..
Sono in corso ulteriori accertamenti per risalire alla provenienza dei beni e per individuare i responsabili del traffico illecito.

ALTRE DELLA CATEGORIA

La personale del fotografo follonichese Walter Garosi racconta di Venezia, “la città sospesa” vista...
Grosseto farà ancora da cornice alla chiusura di Dilettando, la popolare trasmissione di Toscana Tv...
Si avvisano i gentili utenti che, per una riunione operativa del personale, la sede centrale della...